>>>>>FORM<<<<<

Zerona: le domande frequenti

Cos’è Zerona?

Zerona è un laser a bassa frequenza adibito a eliminare gli accumuli adiposi e ad effettuare il body contouring, senza bisogno di creme, aghi o manipolazione dei tessuti ed è totalmente indolore e non invasivo. E’ il trattamento indicato anche dopo operazioni di chirurgia come liposuzione o mastoplastica per incrementarne i miglioramenti, minimizzare l’edema e il dolore post chirurgico.



Come funziona?

Studi clinici hanno dimostrato che il laser a bassa potenza del trattamento Zerona libera gli adipociti dalle sostanze grasse e dalle scorie che successivamente verranno assorbite dal sistema linfatico, senza recare alcun danno alle cellule. Di conseguenza le cellule si sgonfiano e il paziente nota la riduzione dei centimetri su giro vita, fianchi, cosce o altre zone trattate.

In cosa consiste il Trattamento Zerona?

Basta dedicarsi 40 minuti circa di totale relax, in quanto il trattamento è completamente indolore ed il paziente non avverte alcuna sensazione di calore o fastidio cutaneo. Il medico dopo aver posizionato correttamente il laser sulla zona da trattare uscirà e tornerà dopo 20 minuti per far girare il paziente e riposizionare il macchinario sull’altra parte del corpo interessata ed uscirà nuovamente per altri 20 minuti. Dopo il trattamento si può tranquillamente tornare alle proprie abitudini.

Cosa succede se si salta un appuntamento?

Si consiglia di non saltare alcun appuntamento. Si tratta di 6 trattamenti da effettuare a giorni alterni con un intervallo di massimo 72 ore tra una seduta e l’altra. Se si supera il limite massimo di 72 ore, il grasso rischia di essere assorbito nuovamente dalle cellule adipose e di non ottenere di conseguenza risultati soddisfacenti.

Qualè la differenza tra il trattamento Zerona e la Liposuzione?

La Liposuzione è una vera e propria operazione chirurgica invasiva che rimuove un’intera area di cellule adipose sottocutanee, tramite un tubo in acciaio chirurgico dotato di un potente aspiratore e richiede l’anestesia totale o parziale.
Zerona invece non è assolutamente invasivo ed è un trattamento che non elimina le cellule adipose, ma le libera dalle sostanze grasse e dalle scorie, portandole a dimensione salutare senza alterarne le caratteristiche. Non richiede anestesia.

In cosa si differenzia dalle altre tecniche di rimodellamento “non invasive”?

La differenza principale è che Zerona non uccide le cellule adipose, generando invece un effetto benefico per l’organismo. Non vi è alcun contatto fisico con il dispositivo, ci si sdraia semplicemente sul lettino sotto il fascio di luce di Zerona.

Ci sono tempi di recupero?

Dopo il trattamento il paziente non necessita di tempi di recupero, in quanto non è indolore e non necessita anestesia. Si può immediatamente tornare alle abitudini di tutti i giorni senza ripercussione alcuna.

Se mi sottopongo a Zerona ci sono delle limitazioni?

Assolutamente no, il paziente può tornare immediatamente alle proprie attività. E’ indispensabile seguire il protocollo di trattamento: bere 8/10 bicchieri d’acqua al giorno, per mantenere l’idratazione, ed astenersi da alcool e caffeina. E’ inoltre obbligatorio eseguire un minimo di 30 minuti di attività fisica dopo il trattamento (è sufficiente anche una camminata veloce).

Su quali parti del corpo posso fare il trattamento?

Il trattamento Zerona può essere effettuato su tutte le parti del corpo. Di solito la maggior parte dei pazienti inizia con il trattare la vita, l’addome, i fianchi e le cosce che possono essere trattate contemporaneamente in un’un’unica sessione. Altre aree possibili sono le braccia, le ginocchia, il sottomento le natiche, il petto e la schiena.

E’ sicuro?

Sì, non vi sono rischi nell’usale il laser a bassa potenza Zerona ed è considerato come un’alternativa sicura a procedure invasive come la liposuzione o ad altri dispositivi non invasivi.

Ci sono controindicazioni?

In caso di gravidanza, di presunta gravidanza o di Pacemaker, il trattamento Zerona non va fatto.
Non vi sono rischi nocivi, ma potrebbero esserci rischi sconosciuti. In caso di diabete o di problemi alla tiroide, Zerona potrebbe non essere totalmente efficace, in quanto in questi casi il sistema metabolico non è regolare.

Ci sono effetti collaterali?

No. Il trattamento è totalmente non invasivo e non ci sono effetti collaterali oltre alla perdita di centimetri e grasso.

Funziona?

Si, con il trattamento Zerona, e seguendo le raccomandazioni del protocollo si possono perdere fino a 8-23 cm complessivi tra vita, fianchi e cosce e scendere di taglia. Molti pazienti hanno notato inoltre una riduzione della cellulite.

Quanto dura l’effetto del trattamento?

Zerona è ideale per due tipi di persone: coloro che stanno già seguendo una dieta e vogliono rimuovere il grasso localizzato o coloro che vogliono usare Zerona e le raccomandazioni del protocollo come trampolino di lancio verso un’alimentazione più sana e sana attività fisica per raggiungere l’aspetto desiderato. Mantenendo un’alimentazione sana e facendo costantemente esercizio fisico, si possono ottenere risultati a lungo termine.

Posso fare il trattamento più volte? E quanto tempo deve passare tra una serie di trattamenti e l’altra?

Il numero standard delle sedute 6, ma si possono aumentare a seconda dei risultati che si vogliono raggiungere. Non è necessario alcun intervallo tra una seria e l’altra. L’esperienza americana ci dimostra che sono stati effettuati fino a 36 sedute consecutivi, con risultati eccellenti.

Dopo il parto quanto devo aspettare per poterlo fare?

Si consiglia di aspettare l’ultima visita postpartum con il medico (di norma 6 settimane dopo la nascita) per iniziare il trattamento Zerona. Evitare in caso di allattamento.

Quanto tempo ci vuole per iniziare a vedere i risultati?

Alcune persone iniziano a notare i risultati dopo poche sedute e sentiranno i loro vestiti più larghi addosso. Mediamente la differenza si nota dopo 4-6 sedute.

Chiunque è un buon candidato per il trattamento Zerona?

Il trattamento è adatto a tutti. Anche persone senza sovrappeso possono perdere centimetri. Rimane comunque doveroso confrontarsi con il medico considerando il proprio vissuto clinico.